Illusioni ipnagogiche

La pelle è bruciata, me ne accorgo ora, guardo le braccia, le gambe,  non è stato il sole.

Al cavalluccio marino che tenevo come reliquia sul mio comodino si era spezzato il ricciolo della coda, eppure il fatto non mi aveva dato alcun dolore.
Piuttosto, era  il grande dipinto coperto da un pesante drappo damascato a impensierirmi da tempo.  A volte salivo in soffitta con l’idea di spostare almeno un lembo della stoffa. O di  cercare tra le cianfrusaglie quei  ricordi che la mia civetta Atena è sempre pronta a tenere lontano da me. Le basta puntarmi lo sguardo addosso, con occhi grigi e fissi. Vive lì, la maggior parte del tempo, a volte andiamo a caccia insieme.

Il fatto è che anche stanotte ho sognato:  di solito sono fiori colorati che cambiano forma  a una velocità sorprendente, gioco tra sonno e veglia a reggere il ritmo e cogliere ogni  metamorfosi. Oppure sono frecce che si raccolgono a indicarmi una direzione, danzatori dervisci che  volteggiano in un campo nero fino a trasformare il mio buio in scacchiera,  geometrie perfette dove  a volte il verde e blu  si incontrano infischiandosene  di tanta regolarità.
Questa notte ai disegni organizzati e rassicuranti si sono sostituiti animali: non erano tigri azzurre, ma lupi, volpi, esseri mai visti, con sorrisi grotteschi  davano origine a mosaici spaventosi.
Sono salita in soffitta, ho strappato il drappo con forza, ma  il quadro (che in cuor mio avrei voluto vedere) non era questo

Vittorio-Corcos--Mascagni-1891*

Non è ancora l’alba, ho pensato di chiamare te, che sei forte e bello e gli somigli pure, ma devi pensare alla tua ragazza, bella anche lei, e ai tuoi sogni. Oppure te, con cui immaginiamo mondi sottili, grandi paure nel cuore. O te, con cui ho conosciuto ogni pazzo del quartiere, come Mercurio che se ne va ondeggiando, strabordante sulla sua vecchia motocicletta.
Oppure te, che stai accoccolato sotto un cielo grigio e basso, mentre la tua casa brucia.
Invece strapperò questo foglio e lo getterò nella differenziata, andrò a controllare se in montagna ci sono già i colori dell’autunno.

* Vittorio Corcos, Pietro Mascagni, 1891

Annunci

5 pensieri su “Illusioni ipnagogiche

  1. 2010
    2013
    2014
    Tempo e movimento vissuti altrove finché l’anastasi non segue la stasi.
    O invece.
    Un richiamo e poi, a lungo, l’ascolto del silenzio: se c’è una risposta, se c’è un segno.
    O ancora.
    Un pensiero marino che prende respiro lungo e s’immerge poi in profondità (im)mobili.
    Bello.
    F

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...