Il giardino riprende a respirare

Sono certa di vivere mentre scrivo e anche mentre (ti) leggo. Ma, da qualche tempo, ho il dubbio che se mi allontano, anche per poco, tutto rischia di spegnersi, e così per ogni cosa e circostanza appena sospendo l’attenzione.

Il pensiero è andato al giardino, la mia vita. Per quanto oggettivamente bello, non esiste probabilmente per nessuno al mondo se non per me e solo fino a che non smetterò di accudirlo.
Sarà per questo che mi hanno portata via? Per convincermi hanno detto che in reparto dovrò annotare tutto, e far vivere parti di mondo che i più non conoscono. Qui si nasconde una bellezza dolente dell’animo umano che non credo si potrà raccontare, così lontana dalla realtà che sta fuori. Penso ai parenti di una sarta [stanza 12] che ha perso in un istante la memoria di una vita, hanno tappezzato il pavimento della casa con indicazioni-ricamo per farle ritrovare la strada del sonno, il cibo e il sorriso.
Ma voglio tornare presto al mio giardino, ai suoi sguardi colorati, alle rose sentinella in fila al confine, all’abbraccio forte degli alberi e leggere nelle inclinazioni dei fiori il loro star bene,  affiancare il sole in una corsa lenta,  immaginare che i rami, dopo la guerra con la processionaria, siano braccia spezzate di statue guardiane dalle schiene inarcate.

Ci sarà anche il tempo per le stelle, mi è sempre piaciuto lasciarle scorrere attraverso la piccola finestra quadrata della mia stanza, e mi addormenterò nella stupida convinzione di salvare costellazioni intere da morti orribili in oscuri angoli di cielo  guardandole fino a che non bruciano gli occhi.

 

Annunci

17 pensieri su “Il giardino riprende a respirare

  1. Mi pare di vederle, quelle rose sentinella in fila sul confine: anche loro indicano  una via, la scala per il tempo delle stelle da salvare su in alto, oltre i rami spezzati, e le statue di silenzio, nel respiro della tua finestra.

    Molto bello, Lucia.

  2. Colfavore: 
    per lo scintillamento ringrazio Teréz:  ha rimesso a nuovo un template che sfidava tutte le leggi dell’html, e tu sai di cosa parlo :o) 

    Arden: 
    ti ringrazio e…
    strano, è come se sapessi esattamente come sono disposti casa e giardino :)

  3.                                              la crono retrouvée…
                       
                                                              *
                         …se ti può essere utile  per coltivar rose…e stelle

    i miei sono solo bisous !

    * foto di Cal Lane

     

  4. leggere nell'inclinazone dei fiori il loro star bene, che bella sintesi, che bel lavoro di attenzione e pazienza, di accudimento gentile e non invasivo. Sì,il giardino insegna tante cose, soprattutto la pazienza delle attese, e a contare le perdite, talvolta. baci, molti, monica

  5. Sai che ho anch'Io il pensiero dei mie fiori quando sono costretta ad allonantanarmi?  E soffro, tanto, quando ritornata, trovo i miei fiori che sono stati liì a morire per mancanza. Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...